Ah la politica

Vanno vaganti i pensieri miei in cupi viali di alberi ornati
Tra spenti ricordi e accordi segreti con muse confuse
Ah si io fossi più lesto di mano più furbo e villano
Di certo la vita nono paga la bontà ammesso che io sia buono
E poi guardati tu che parli di politica alla televisione
Ti arrabbi centomila volte al mese e speri che io sia cortese
Le spese di natale l’uovo a pasqua credo che ci sia un poco di confusione
Tra le feste sante e il consumismo massacrante
Ante d’armadi scheletri usati a convenienza
Santa pazienza che se ne và che se ne và
Ah che bella la politica ah
Puoi fare il ministro dell’istruzione e della sanità
Ah che bella la politica ah
Puoi impegnare la tua vita per l’umanità
E poi guardati tu che ridi alla tv e cerchi di convicermi a votare il tuo partito
E tempo d’elezione viva la processione dell’urna elettorale
Abbiamo dei programmi fidatevi che i danni saranno riparati ati
Ah che bella la politica ah
Puoi fare il ministro dell’istruzione e della sanità
Ah che bella la politica ah
Puoi impegnare la tua vita per l’umanità
Ah che bella la politica ah
Puoi fare il ministro dell’istruzione e della sanità
Ah che bella la politica ah
Puoi impegnare la tua vita per l’umanità.